L’influenza del BMI in un trattamento di fecondazione assistita

Perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro, Obesità e successo dei trattamenti di fecondazione assistita

Anche per le pazienti sottopeso vi sono effetti negativi sull'ovulazione e la fertilità; il peso corporeo è legato a eventi che influenzano la gravidanza quali l' abortoil diabete gestazionale, la pre-eclampsia, il parto cesareola macrosomiale malformazioni congenite, specialmente del tubo neurale [7].

Una metanalisi basata su Donne obese hanno possibilità inferiori di ottenere una gravidanza rispetto a donne normopeso.

Compromettere la follicologenesi, la qualità ovocitaria, lo sviluppo embrionario potrebbe influenzare i bassi risultati in queste pazienti. Il loro impatto rimane comunque non chiaro. Recentemente è stato valutato se le alterazioni della qualità ovocitaria possano essere legate a un aumento del rischio di aneuploidie embrionali.

perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro

Infatti, in uno studio su pazienti con PCOS e non-PCOS, si è registrato un tasso significativamente minore di cumulative clinical pregnancy rate CCPR e cumulative live birth rate CLBR nei gruppi di donne obese e sovrappeso rispetto al gruppo di donne normopeso, oltre a un tasso maggiore di aborto [11].

Le immagini sono state acquisite ogni 10 minuti su sette piani focali differenti.

perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro

Gli embrioni sono stati valutati secondo diversi parametri morfocinetici e classificati seguendo il Consensus di Istanbul il giorno 3 e il giorno 5 di sviluppo, giorni nei quali sono stati eseguiti i trasferimenti embrionari in utero. Ad ogni embrione è stato assegnato uno score: score 1 scarsoscore 2 medio e score 3 buono.

I punti di sviluppo valutati sono stati: t2 embrione che presenta due blastomeri distintit3 embrione a tre blastomerit4 embrione a quattro blastomerit5 embrione a cinque blastomerit8 embrione a otto blastomeriCc2 intervallo tra t3 e t2Cc3 intervallo tra t5 e t3relativi alla durata del secondo e terzo ciclo cellulare; s2 relativo alla sincronia di divisione cellulare da due a quattro blastomeris3 relativo alla sincronia da cinque a otto blastomeri.

Outcome primario: parametri morfocinetici embrionari, outcome secondari: score di qualità embrionaria, gravidanza in corso e aborto spontaneo. Sono stati analizzati embrioni trasferiti il giorno 3 o 5 in ET embryo transfer singoli o doppi.

Il legame tra obesità e infertilità

Non sono state segnalate differenze significative nei quattro gruppi di BMI A-B-C-D per quanto riguarda le caratteristiche cliniche delle pazienti età donna, età uomo, numero di ovociti recuperati, percentuale di ovociti maturi, tasso di fertilizzazione e score embrionario. Le donne sovrappeso hanno mostrato una percentuale maggiore di infertilità da fattore tubarico rispetto a donne normopeso, mentre per tutte zucca brucia i grassi altre cause di infertilità non sono state registrate differenze nei vari gruppi.

perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro

Due parametri morfocinetici variavano in modo significativo tra i vari gruppi BMI: il t5 e t8. Le donne obese gruppo D hanno avuto un t5 ritardato rispetto al gruppo normopeso gruppo B 50,84 h vs 49,24 h.

Indicazioni

Inoltre, anche il tempo di clivaggio t8 in donne obese gruppo D e sovrappeso gruppo C è risultato essere ritardato rispetto alle donne normopeso gruppo B 56,72 h e57,89 h vs 55,66 h. Lo score embrionario nei vari gruppi non variava significativamente.

Un altro ampio studio di cicli ha riportato una riduzione di tasso di impianto, gravidanza e nascite in donne obese che hanno effettuato un trattamento di fecondazione assistita, nonostante non ci fossero differenze significative nella qualità ovocitaria ed embrionaria.

Inoltre il fluido follicolare di donne obese sottoposte a un trattamento di fecondazione assistita contiene un livello maggiore di insulina, marker infiammatori, trigliceridi e acidi grassi non esterificati NEFA.

La tecnologia time-lapse pertanto si sta dimostrando molto utile in questa scelta. Concludendo, la tecnologia time-lapse ha permesso di valutare la cinetica di embrioni di donne con BMI differente in modo da studiarne il diverso sviluppo.

Prima d’iniziare un ciclo di stimolazione ovarica

Solo con la valutazione morfologica standard non sarebbe possibile valutare molti parametri morfocinetici risultati utili per una miglior selezione embrionaria. Maternal body mass index affects embryo morphokinetics: a time-lapse study.

perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro

J Assist Reprod Genet ;36 6 The influence of body mass index on pregnancy outcome following single-embryo transfer. Perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro Assist Reprod Genet ;35 7 The effect of female body mass index on in vitro fertilization cycle outcomes: a multi-center analysis.

In questo articolo

J Assist Reprod Genet ;35 11 Accessed on 22 February Does obesity really matter? Bellver J. Impact of bodyweight and lifestyle on IVF outcome.

perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro

Expert Rev Obstet Gynecol ; Davies MJ. Evidence for effects of weight on reproduction in women. Reprod Biomed Online ;12 5 Female obesity is negatively associated with live birth rate following IVF: a systematic review and meta-analysis.

perdita di peso prima del successo della fecondazione in vitro